Museo Diocesano Giacomo Boccanera
Comune di Camerino
Musei Storico-Artistico

Ideato e costituito nel 1965 per conservare le opere che, a causa del progressivo abbandono dei piccoli centri, rischiavano di cadere in mano ad un avido mercato antiquario, il Diocesano di Camerino, allestito sin dalle origini in un’ala del Palazzo Vescovile, ma chiuso dal 1997 a causa del sisma che colpì il territorio, è stato recentemente (2004) riallestito e riaperto al pubblico con un’ intitolazione a Giacomo Boccanera, che fu il primo acuto organizzatore della raccolta. Le opere presenti nel museo testimoniano efficacemente le fasi storiche che la diocesi e la città di Camerino hanno attraversato tra il XIII e il XVIII secolo (dalla rinascita economica e culturale favorita dalla signoria dei da Varano, fino agli stretti contatti con la curia pontificia, quando la città finì sotto il dominio dello stato della
Chiesa), ma allo stesso tempo costituiscono la memoria di chiese, cappelle, conventi, a volte distrutti nel corso dei secoli. La visita al museo diventa quindi un viaggio dentro la storia di un variegato territorio, che fungeva da “cerniera” tra le attività mercantili adriatiche e le regioni oltrappenniniche, con cui la popolazione camerte intrattenne sempre fruttuosi rapporti commerciali e artistici. La raccolta è costituita da dipinti su tavola e su tela, affreschi staccati, sculture lignee, oreficerie, paramenti liturgici, arredi e suppellettili. Nella strepitosa raccolta di sculture lignee primeggiano la trecentesca Santa Anatolia da Esanatoglia, la Santa Lucia da Varano e il San Sebastiano di Valcimarra, capolavori del XV secolo, usciti dalla bottega di Domenico Indivini. Tra i dipinti della “scuola di camerino” sono
molto interessanti gli affreschi provenienti dal Santuario della Madonna delle Macchie di Gagliole, attribuiti a Girolamo di Giovanni, ed il trittico del 1454, ricondotto all’attività di Ansovino di Vanni. Preziosa la presenza di un’Annunciazione di Signorelli.

tel. 0737/630400 - 338 5835046

orario di apertura
1° aprile - 30 settembre 10 - 13/16 - 19 da giovedì a domenica e festivi
1° ottobre - 31 marzo 10 - 13/15 - 18 sabato e domenica e festivi