Pinacoteca Civica
Comune di Treia
Musei Storico-Artistico

treia_pinacotecaCome la maggior parte delle raccolte pubbliche marchigiane, anche la Pinacoteca di Treia, ospitata nello splendido scenario del piano nobile del Palazzo Comunale, è costituita principalmente da dipinti di soggetto sacro, provenienti dalle varie istituzioni religiose cittadine soppresse con l’Unità d’Italia. Risultato di una fusione che in epoca rinascimentale interessò il Palazzo del Podestà e quello dell’Abbondanza ed i cui effetti sono tuttora riconoscibili nella diversa forma dei pilastri che reggono gli archi della facciata, lo stesso Palazzo Comunale, modificato poi anche nel 1760, è una residenza storica di pregio, come dimostra ad esempio lo studio del sindaco, decorato con dipinti murali in stile liberty ed arredi dell’Ottocento. Nei vari ambienti del piano nobile, le tele sono state esposte secondo i criteri con cui venivano impostate le quadrerie antiche. I numerosi ritratti, che riproducono i volti più insigni della vita culturale e politica della cittadina ed appartenevano alle raccolte artistiche dell’antica e prestigiosa Accademia Georgica, sono collocati su due file, dando vita ad una vera e propria galleria di personaggi illustri, per lo più a mezzo busto, secondo una tradizione inaugurata dalla celebre serie gioviana. Tra le opere provenienti dagli ordini religiosi soppressi, segnaliamo l’interessante Immacolata Concezione, attribuita a Giuseppe Bastiani, la quale domina un rigoglioso giardino all’italiana, dipinto a simboleggiare l’hortus conclusus, cioè la verginità della Madonna. Il Martirio di santa Lucia di Pietro Tedeschi, proveniente dalla chiesa agostiniana della città, e l’Estasi di santa Margherita da Cortona di Antonio Balestra, pervenuta dalla chiesetta del cimitero, sono le punte qualitative che concludono il prezioso gruppo di opere settecentesche presenti nel museo. Molti arredi sette e ottocenteschi sono stati collocati nelle varie sale.

tel. 0733/215919