Parco archeologico Urbs Salvia
Comune di Urbisaglia
Musei Archeologico

urbisaglia_parco_e_museoUrbs Salvia, che deriva il suo nome probabilmente da un antico culto alla dea Salus, fu colonia romana nel II o nel I sec. a.C. e raggiunse l’apice del suo sviluppo nel corso del I sec. d.C., per essere poi progressivamente abbandonata, anche a seguito del passaggio di Alarico nel 410. Il Parco Archeologico è il più importante e spettacolare delle Marche. La sua visita inizia dal Museo Archeologico statale ricco di sculture, iscrizioni, anfore, monete e altro materiale proveniente dall’area urbana tra cui un frammento di “fasti”. Un plastico, inoltre, ricostruisce l’aspetto dell’antica città. Si prosegue visitando le Cisterne dell’acquedotto che rifornivano d’acqua la città sottostante e, più in basso, seguendo una serie di aree terrazzate, il Teatro (primo quarto del I sec. d.C.), addossato al pendio della collina dove sorge l’odierna Urbisaglia, e l’Edificio a nicchioni, che fungeva da scenografico raccordo dei vari livelli della città. Ai piedi della collina si estende il foro e quindi l’Area sacra, costiutuita da un Tempio, dedicato probabilmente alla Salus Augusta al centro di un’area definita criptoportico, corridoio sotterraneo decorato con pitture del III stile pompeiano con immagini legate alla propaganda augustea. Attraversando le mura si raggiunge l’Anfiteatro (81-89 d.C.) fatto costriure da Lucio Flavio Silva Nonio Basso, conquistatore di Masada.

tel. 0733/202942 - 0733/506566

orari di apertura

da novembre a settembre (invernale)

prefestivi e festivi 10-13/14.30-16.30
marzo
prefestivi e festivi 10-13/15-18
dal 1 aprile al 12 giugno
prefestivi e festivi 10-13/15-19
dal 13 giugno al 14 settembre
tutti i giorni 10-13/15-19

Per i gruppi organizzati la visita è
possibile tutti i giorni su prenotazione