Museo archeologico comunale
Comune di Matelica
Musei Archeologico

matelica_museo_archeologico Il Museo Archeologico è allestito all’interno dello storico Palazzo Finaguerra e nasce da una precedente raccolta archeologica, costituitasi con l’intento di rendere pubblici i risultati dei pluriennali scavi condotti nel territorio comunale da parte della Soprintendenza archeologica per le Marche nell’ambito di una fattiva collaborazione col Comune. Il percorso di visita si snoda all’interno del primo e secondo piano del palazzo e consente di ripercorrere le fasi dell’insediamento dalla preistoria fino all’epoca tardo rinascimentale. Fra gli scavi esposti va segnalato quello dell’area di lottizzazione Zefiro, all’interno della quale, su una superficie di più di tre ettari, sono state individuati una necropoli (Crocifisso-Zefiro) ed un insediamento piceno datati tra VIII e III sec. a.C. I materiali provenienti dalla tombe attestano una varietà ed una ricchezza unica nel suo genere: corredi di vasi, elmi, schinieri di bronzo e i preziosi monili della toletta femminile. Di notevole valore storico ed artistico la “Tomba di Villa Clara” relativa ad un princeps. La seconda parte dell’esposizione è dedicata alle fasi romane e medievali della città. Per l’età romana le testimonianze maggiori provengono dalla necropoli di Fonticelle, di cui è esposta una interessante ricostruzione di tomba a cappuccina. Dell’area urbana vanno rilevati soprattutto una testa votiva fittile datata tra III e II sec. a.C. ed un frammento di mattone con bollo che sembrerebbe documentare l’attività di una fornace pubblica a Matelica. L’ultima parte del percorso espone i materiali ceramici compresi in un arco cronologico tra XIV e XVIII sec. Si tratta in gran parte di maiolica arcaica, italo moresca, policroma e monocroma, affiancata a ceramica ingubbiata e graffita.

vedi il depliant con gli orari

scarica il depliant delle attività didattiche