Ecomuseo del Cervo
Comune di Castelsantangelo sul Nera
Musei Demoantropologico e Scientifico

L’ Ecomuseo del Cervo si compone di due diverse strutture tra loro complementari: Il Centro Visite e l’Ecocentro Faunistico.
Il Centro Visite nato per iniziativa del Comune e con finanziamento della Regione Marche, presenta una riproduzione di diversi ambienti naturali (diorami) rappresentativi degli ecosistemi più tipici del territorio del Parco Nazionale dei Monti Sibillini, dall’alta collina alla montagna, dalle vette più alte alle acque dei fiumi e dei laghi, offrendo la possibilità anche al visitatore più pigro o a quello più giovane di fare una suggestiva escursione virtuale nel Parco e di incontrare animali che solo l’ escursionista più fortunato e attento riuscirebbe a vedere.
L’ Ecocentro faunistico è costituito da una vasta area recintata (circa 29 ha) localizzata sul versante sud di M. Cornaccione che si articola a sua volta in diversi settori recintati e attrezzati atti ad ospitare in stato di semi-libertà diverse specie animali. La finalità di tale centro è quella di consentire attività di ricerca scientifica e attività didattiche, di educazione ambientale e di sensibilizzazione, permettendo agli studiosi e ai visitatori di avere una conoscenza diretta e autentica degli animali ospitati. Tale centro è anche stato strutturato per il mantenimento di tutte le condizioni necessarie agli animali per l’ attuazione di interventi di reintroduzione o ripopolamento e per ospitare animali problematici o feriti. Un progetto importante a cui il Centro Faunistico ha concorso in maniera significativa con le sue attività è stata la reintroduzione del cervo nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini, progetto cui è dedicato ampio spazio nell’ Ecomuseo del Cervo.

telefono 0737.98152